La rivoluzione del sonno è partita

Sono tanti gli studenti universitari che non dormono abbastanza, la celebre testata dell’Huffington Post ha fatto un tour degli Stati Uniti per promuovere il messaggio che il sonno è una parte importante della salute di ogni persona. L’Università dell’Oregon ha instituito un gruppo denominato “Sleep Revolution” (o Rivoluzione del Sonno) che si è riunito durante il semestre per rivedere alcune pratiche tipiche degli studenti. E’ una pratica troppo diffusa quella di studiare troppo e dimenticare i ritmi regolari del sonno. Il messaggio principale è quello di destituire il tipico motto “dormirò quando sarò morto”, perchè sarebbe troppo tardi e crea troppi disturbi di salute.

Sono tanti gli studenti universitari che non dormono abbastanza, la celebre testata dell’Huffington Post ha fatto un tour degli Stati Uniti per promuovere il messaggio che il sonno è una parte importante della salute di ogni persona.

SonnoL’Università dell’Oregon ha instituito un gruppo denominato “Sleep Revolution” (o Rivoluzione del Sonno) che si è riunito durante il semestre per rivedere alcune pratiche tipiche degli studenti. E’ una pratica troppo diffusa quella di studiare troppo e dimenticare i ritmi regolari del sonno. Il messaggio principale è quello di destituire il tipico motto “dormirò quando sarò morto”, perchè sarebbe troppo tardi e crea troppi disturbi di salute.

I membri della Rivoluzione del Sonno si sono riuniti per discutere alcuni temi importanti, ad esempio quali sono le pratiche e gli atteggiamenti migliori prima di andare a dormire. Ne sono emersi due facili da eseguire che portano notevoli miglioramenti di vita: leggere un buon libro prima di spegnere la luce e tenersi a distanza da tutti i dispositivi elettronici. Sono stati analizzati anche alcuni comportamenti che andrebbero assolutamente evitati. Ad esempio: non usare il tuo cellulare come sveglia. Se lo fai sarai tentato dall’accenderlo e visualizzare le mail, poi Facebook e poi chissà quante altre cose.

Queste sono tutte attività che ti portano via tempo per dormire sonni tranquilli. Non dovresti proprio andare su internet quando sei già a letto. Dovresti aver già spento ogni dispositivo elettronico. Ci sono alcuni cibi che non dovresti consumare durante la fase prima di andare a dormire, ad esempio le arance, i pomodori e l’aglio. Questi sono tutti elementi che creano acidi che rendono la digestione lenta. Anche i dottori si sono espressi in proposito. Il loro consiglio? Non dormire in una stanza esageratamente calda. Il fresco aiuta la temperatura corporea a rilassarsi, cosa che a sua volta comporterà una qualità di sonno migliore.