Fototrappole: cosa sono e come utilizzarle

Molte fotocamere richiedono l’intervento umano per funzionare o l’alimentazione elettrica per accendersi. Le fototrappole no.
Fototrappola LTL ACORN 5210 MMS SMS PIR 940nm
Fototrappola LTL ACORN 5210 MMS SMS PIR 940nm

Le fototrappole rappresentano una tecnologia in fatto di fotocamere che negli ultimi tempi ha fatto molto parlare di sé.

Molte fotocamere richiedono l’intervento umano per funzionare o l’alimentazione elettrica per accendersi. Le fototrappole no.

Le fototrappole sono robuste, resistenti all’acqua, auto alimentate, auto gestite e possono effettuare video o foto, di notte e di giorno, registrandoli in una memoria interna.

Possono essere fissate ad un albero o ad un palo e registrare ogni azione 24 ore su 24, 7 giorni su 7, spesso per molte settimane.

Dove acquistarle?

Su Amazon.it trovi tanti modelli di fototrappole che puoi ordinare e ricevere direttamente a casa tua ordinandole qui.

Introduzione alle fototrappole

Storicamente le fototrappole sono state usate da chi girava documentari sugli animali, ricercatori, cacciatori, esperti di sicurezza. Grazie ad esse ci è stato possibile aprire una finestra privilegiata su mondi segreti. Ma i i loro utilizzi, grazie anche al calo dei prezzi, vanno molto oltre i documentari e la ricerca.

Fototrappola – come è fatta

La fototrappola è in sostanza una piccola scatola mimetica e resistente all’acqua con una fotocamera.

Essa lavora con un principio simile a quello della fotocamera digitale, ma ha delle caratteristiche in più come ad esempio il rilevamento del movimento, la visione notturna, la registrazione programmata.

Tutti i comandi sono nascosti dentro la scatola e chiusi in modo sicuro con grandi ganci.

Normalmente funziona con una batteria interna e il contenuto viene registrato su una memory card removibile.

Fototrappola – come funziona

Il principio primario di una fototrappola consiste nel il poterla mettere in un luogo remoto e programmare la registrazione quando c’è movimento.

In seguito si potrà rivedere cosa è stato registrato in una certa data.

Tutto ciò che dovete fare è aprire la fototrappola, programmarla con i pulsanti all’interno, chiudere la scatola e legarla ad un albero o ad un altro supporto.

La maggior parte delle fototrappole è molto facile da assemblare e programmare.

Le principali caratteristiche della fototrappole sono:

  • Tipo di registrazione – video o fotogrammi. Molte fototrappole hanno l’opzione per registrare video o fotogrammi ad alta definizione. Per avere risultati migliori, normalmente si possono configurare le impostazioni di dimensione e qualità. I video spesso richiedono maggiore memoria rispetto ai fotogrammi.
  • Lunghezza, dimensione e qualità della registrazione. Se scegliete di registrare un video o dei fotogrammi, avrete ulteriori opzioni.
  • Video – Dimensione, qualità e durata
  • Fotogrammi – Dimensione e qualità.
  • Sensibilità. In molte fototrappole è presente il sensore di rilevamento. La sensibilità può essere regolata a seconda di cosa state cercando di filmare e della location. Qualche volta, se c’è molto movimento, ad esempio i cespugli che oscillano col vento, potete regolare la sensibilità al fine di ignorare movimenti casuali e registrare solo se passa un grande oggetto.

Quando la fototrappola è pronta, tutto ciò che dovete fare è lasciarla in posizione e tornare quando volete.

Molte fototrappole lavorano notte e giorno, rilevando costantemente ogni movimento. Durante la notte, alcune fototrappole usano un flash per illuminare l’area. Tuttavia, molte usano gli infrarossi per vedere nel buio senza disturbare il soggetto.

Dovunque ci sia movimento, a seconda delle impostazioni, la fototrappola registra ogni azione sulla memory card.

Alcune fototrappole hanno tempi di reazioni molto veloci, tuttavia altre si basano su sistemi video time-lapse piuttosto che sul movimento.

Tipi di fototrappole

Ci sono molti tipi di fototrappole, ognuno con caratteristiche diverse.

Le differenze sostanziali stanno tra quelle digitali e con pellicola, in cui i dati sono raccolti su una scheda di memoria o su pellicola 35 mm. Tra quelle ad infrarossi e quelle con il flash. Tra quelle senza audio e quelle con l’audio.

Fra tutte le opzioni, la maggior parte delle persone opta per la fototrappola 2MP o maggiore, con visione notturna a infrarossi.

Un po’ di storia

Da quando sono state inventate le macchine fotografiche, i primi fotografi hanno sempre cercato modi di fotografare quando non erano sul luogo.

Nel 1906 fu usata la prima fotocamera con registrazione con filo. La fotocamera era connessa con un filo e quando l’animale attraversava questo filo, veniva scattata una foto senza che il fotografo fosse lì.

Da allora, il principio è stato lo stesso, ma la tecnologia e il prezzo hanno permesso alle fototrappole di diventare più piccole, più avanzate e accessibili a tutti.

Diversi utilizzi di questo comodo gadget

Le fototrappole vengono usate soprattutto per osservare e registrare la fauna selvatica.

Sono perfette per essere posizionate in una location remota per vedere che tipo di animali notturni ci siano nei dintorni. E’ sorprendente cosa vedrete e quanti animali selvatici ci siano intorno a noi.

Negli ultimi anni, le fototrappole sono state usate per controllare specie rare di animali in alcune delle località più lontane. Di recente, Gordon Buchanan e ricercatori hanno usato le fototrappole per seguire delle tigri rare nelle montagne del Bhutan in “Lost land of the tiger”.

Le fototrappole vengono usate anche per ragioni di sicurezza. Sono dispositivi perfetti per:

  • Sorveglianza di una proprietà: nei palazzi, in giardino, in garage
  • Sorveglianza di una terra: scarico di rifiuti, violazione di domicilio
  • Sorveglianza domestica: vicini di casa, vandali
  • Crimini alla fauna selvatica: animali, bracconaggio, abuso di animali
  • Sorveglianza di bestiame: furto e benessere
  • Sorveglianza di industrie e macchinari

Immaginate il piacere di posizionare la vostra fototrappola e tornare il giorno dopo a vedere cosa avete registrato.

Sono molto facili da usare e ciò le rende anche un regalo perfetto per adulti e bambini.

Fototrappole per sorveglianza esterna

CCbetter 12MP HD 1080P FOTOTRAPPOLA MIMETICA
CCbetter 12MP HD 1080P FOTOTRAPPOLA MIMETICA

Contro i furti

Intrusi, ladri e vandali si stanno moltiplicando ad una velocità incredibile. Fortunatamente, con la tecnologia moderna che hanno alcune fototrappole, beccare un criminale non è mai stato più facile.

1 Indentificare il problema

Se avete un problema con gli intrusi, la soluzione più facile è usare una fototrappola senza flash ad infrarossi perché non si illuminerà e non sarà visibile di notte.

Non montate mai la fototrappola a vista, piuttosto scegliete un luogo come un albero o nascondetela in modo che non sia facilmente visibile.

Per i ladri e i vandali in ambienti residenziali, urbani o commerciali, avrete bisogno di montare la fototrappola su un tetto, su un palo del telefono o anche su una mangiatoia per uccelli, in modo da non essere subito notata.

2 Acquistate la corretta fototrappola di sicurezza

Per rendere tutto più semplice, dividiamo le fototrappole che sono ottime per la sicurezza in tre categorie

  • Fototrappole che non si illuminano
  • Fototrappole con invio su cellulari
  • Fototrappole wireless
  • Vi state chiedendo quale sia la migliore? Beh, dipende dal modo in cui la userete.

Se avete facilmente accesso alla fotocamera e potete fare un semplice cambio di memoria sd, togliendo la scheda con le foto e mettendone una nuova, allora prendete una fototrappola che non si illumina

Se volete una fotocamera che mandi immediatamente le foto al vostro cellulare o alla vostra email, allora avete bisogno di una fototrappola con invio su cellulari

Una fototrappola wireless può sia mandare le foto ad una “scatola nera” o agganciarsi alla vostra rete WiFi per mandare le foto al vostro computer.

3 Installazione della fototrappola di sicurezza

Dopo aver testato la fototrappola a casa, mettetela nel luogo che avete scelto. Assicuratevi sempre di avere attivato l’opzione dell’orario, in modo da sapere esattamente quando è stato lì il criminale.